Jay-Z, in concerto a New York per gli abbonati Tidal dedica alcune rime pepate a Youtube e Spotify - VIDEO

Jay-Z, in concerto a New York per gli abbonati Tidal dedica alcune rime pepate a Youtube e Spotify - VIDEO

Sabato 16 maggio Jay-Z ha tenuto un concerto gratuito al Terminal 5 di New York per gli abbonati del servizio di streaming Tidal, lanciato dal rapper newyorchese lo scorso mese di marzo.

Nel suo live Jay-Z non ha dimenticato di dedicare alcune rime particolarmente pepate ai concorrenti di Tidal, Youtube e Spotify: ““I feel like YouTube is the biggest culprit, Them n****s pay you a tenth of what you supposed to get… Tidal, my own lane, same difference, Oh n****s is skeptical about they own shit… Spotify worth nine billion and they ain’t say shit!”.

Durante il concerto non ha dimenticato, altresì, di ricordare le recenti vittime della brutalità della polizia Freddie Gray, Mike Brown e Trayvon Martin. E non è mancato neppure un ricordo per la leggenda del blues B.B. King deceduta a 89 anni lo scorso giovedì.


 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.