Katy Perry, l'orgogliosa precisazione: 'Non ho pagato per suonare al SuperBowl'

Katy Perry, l'orgogliosa precisazione: 'Non ho pagato per suonare al SuperBowl'

Va bene lavorare gratis, ma pagare per lavorare - sopratutto se si vendono milioni di dischi in tutto il mondo - no. E date le polemiche che hanno accompagnato l'organizzazione del prossimo half time, evento musicale di risonanza mondiale ospitato dalla finale del campionato NFL americano - meglio conosciuta come SuperBowl - la California gurl per antonomasia ci ha tenuto a mettere le cose in chiaro.

Un breve riepilogo, per chi si fosse perso le puntate precendenti: la National Football Leage, consapevole dell'appeal che un evento del genere, seguito in media da oltre 110 milioni di persone nei soli USA, per il 2015 aveva ventilato di offrire lo spazio non all'artista più meritevole - almeno a giudizione del comitato organizzatore - ma al miglior offerente tra una ristretta cerchia di selezionati, quasi considerando l'esibizione uno spazio pubblicitario da vendere a peso d'oro.

I mugugni, da parte della comunità musicale a stelle e strisce e non solo, non tardarono ad arrivare, ma la NFL, pubblicamente, decise di non fare marcia indietro. Poi, lo scorso mese di ottobre, il grande annuncio dell'ospite musicale, cioè Katy Perry, che .per l'occasione sarà accompagnata sul palco da Lenny Kravitz.

Il dubbio ai più, tuttavia, è rimasto: possibile che una delle voci più in vista sul panorama mainstream americano si sia ridotta a pagare per una seppur prestigiosa apparizione? "Ho seguito la cosa fin dalle prime battute", ha spiegato la stessa cantante all'Associated Press: "Gli ho detto: 'Signori, questa è la linea che ho tracciato'. Voglio essere invitata per i miei meriti, e non perché qualcuno vi abbia allungato dei soldi. E non mi interessa che il contratto stipulato per questa apparizione possa venire reso pubblico, perché non ho nulla da nascondere".

La cantante ha offerto in anteprima qualche dettaglio circa la sua esibizione, che durerà in tutto dodici minuti e includerà l'impiego di due scenografie completamente diverse: "Il tutto riguarderà la presa di coscienza delle donne e il sollevamento dello spirito del pubblico", ha spiegato lei, "Le persone si rispecchiano in canzoni come 'Roar' e 'Firework', quindi, probabilmente, chi meglio di me avrebbero potuto chiamare? Spero di comunicare queste cose durante la mia performance".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.