Elvis Presley, la sua foto con il presidente Nixon è la più richiesta

Elvis Presley, la sua foto con il presidente Nixon è la più richiesta

Fosse ancora vivo Elvis Presley ieri avrebbe compiuto 80 anni. Di fatto la leggenda dell’ineguagliabile e ineguagliato Re del Rock and Roll è più viva che mai.

Il mito di Elvis è talmente vivo che Graceland, la sua tenuta di Memphis, è annualmente fatta meta di pellegrinaggio da centinaia di migliaia di visitatori, tanto da essere stata dichiarata Monumento Storico Nazionale nel 2006. Ed è uno dei luoghi più visitati degli interi Stati Uniti. I suoi album, a quasi 40 anni dalla morte, si vendono ancora in quantità industriale.

E’ comunque sorprendente – come riporta La Stampa - che la immagine più richiesta tra tutte le migliaia di immagini storiche contenute nei National Archives di Washington sia quella dell’incontro di Elvis Presley e Richard Nixon alla Casa Bianca il 21 dicembre 1970.



https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/C8McPxSbVtmhrJ71Rh97sghc7VY=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.whitehouse.gov%2Fsites%2Fdefault%2Ffiles%2Fimagecache%2Fgallery_img_full%2Fimage%2Fimage_file%2FOvalOffice_Nixon_Elvis_0.jpg%3Fitok%3DtuzOs1Xl


Questo scatto è più richiesto di immagini scolpite nell’immaginario collettivo a stelle e strisce (e non solo) come quella dei marines che issano la bandiera americana a Iwo Jima; oppure quella del celeberrimo bacio di fine seconda guerra mondiale a Times Square a New York; oppure ancora quella dell’assassinio di John Kennedy a Dallas o dei seguenti funerali con Jackie Kennedy e il piccolo John.

Di quell’incontro il presidente Nixon riportò nei suoi taccuini che entrambi erano preoccupati per la moralità e il patriottismo delle giovani generazioni, minacciate, a parere del presidente, dalla diffusione delle droghe e dalla contestazione, aiutati in questo, a dire di Presley, da pericolosi propagandisti come i Beatles, che avevano fatto un sacco di soldi negli Stati Uniti e poi erano tornati in Europa a parlare male degli Stati Uniti stessi.


Nel suo colloquio con Nixon Elvis disse di sentirsi dalla sua parte e che era solo un povero ragazzo del Tennessee che aveva avuto molto dall’America e che voleva pagare il suo debito di gratitudine. Aggiunse che stava studiando le tecniche di lavaggio del cervello dei comunisti e gli effetti delle droghe sulla psiche dei giovani e che, siccome gli hippie l’avevano in simpatia, poteva dare una mano alla propaganda contro gli stupefacenti e contro la perdita del vero spirito americano. Poi, prima di andarsene, con un gesto spontaneo, fuori dal cerimoniale, lo abbracciò.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.