Addio ad Acker Bilk, clarinettista britannico. VIDEO

In Italia il suo nome è pressoché sconosciuto, ma Acker Bilk, clarinettista jazz britannico scomparso sabato scorso a Bath, UK, all'età di 85 anni, è un nome noto a chi conosce la storia della musica. E lo è principalmente grazie a un brano da lui scritto con Robert Mellin e registrato, con accompagnamento d'archi, nel 1961. Intitolato originariamente "Jenny" e dedicato alla figlia di Bilk, "Stranger on the shore" arrivò nel 1962 in testa alla classifica statunitense, facendo di Acker Bilk il secondo britannico della storia ad ottenere questo risultato: prima di lui ci era riuscita solo la cantante Vera Lynn (quella citata dai Pink Floyd in "The wall") con "Auf Wiedersehe’n Sweetheart", nel 1952, e dopo di lui, nello stesso 1962, ce la fecero i Tornados con "Telstar". Poi arrivarono i Beatles, e da lì fu tutta un'altra storia.




Nato con nome di Bernard Stanley Birk a Pensford, un paesino del Somerset, il 28 gennaio del 1929, aveva imparato a suonare il clarinetto sotto le armi, in Egitto, e aveva inziato a suonarlo professionamente nella band di jazz stile New Orleans del trombettista Ken Colyer. Bilk attribuiva il "merito" del suo caratteristico vibrato a due incidenti in età scolare: la perdita di una falange a causa di una caduta con la slitta e di due denti in un litigio con i compagni di scuola.
Dopo il clamoroso successo di "Stranger on the shore" continuò regolarmente l'attività di musicista jazz, apparendo molto spesso in televisione; ricevette nel 2001 l'Order of the British Empire.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.