Robert Plant sulle ristampe dei Led Zeppelin: 'Gli inediti? Poco importanti'

Robert Plant sulle ristampe dei Led Zeppelin: 'Gli inediti? Poco importanti'

Non sarà arrivato agli estremi che raggiunse Elvis Costello nel 2011 in occasione della pubblicazione di "The return of the spectacular spinning songbook", ma la franchezza di Robert Plant circa la rilevanza delle bonus track contenute nella massiccia opera di riedizione del catalogo dei Led Zeppelin - outtakes e, per la maggior parte, versioni alternative di brani poi inclusi nelle tracklist originali degli album - potrà certamente apparire simpatica a tanti fan della band di "Good times, bad times", ma magari poco opportuna agli occhi dei suoi discografici, che sull'operazione discografica - una delle più imponenti attuate quest'anno su un back catalogue così importante - avranno verosimilmente investito molto in termini di impegno, risorse e speranze.

In sostanza, per il frontman - recentemente tornato sugli scudi discografici con il suo nuovo album soslista "Lullaby and... the ceaseless roar" realizzato con i Sensational Space Shifters - le tracce inedite contenute nelle riedizioni dei primi quattro album dei Led Zeppelin non sarebbero nulla di che: "Non credo che possano dare una prospettiva diversa sul gruppo", ha commentato il cantante a proposito dei provini nel corso di un'intervista rilasciata a Billboard: "Innanzitutto perché sono cose che risalgono a tanto tempo fa. Si tratta più che altro di materiale in corso di lavorazione, bozze ancora in via di completamento. Forse c'è qualche spunto che ci ha spinti ad andare in questa piuttosto che in quella direzione, questo forse sì...". Materia per irriducibili completisti, insomma: "Non c'è nulla di davvero rilevante. Non per quanto mi riguarda, almeno".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.