Germania, fa headbanging a un live dei Motörhead: ematoma subdurale

Germania, fa headbanging a un live dei Motörhead: ematoma subdurale

I seri e preparati dottori tedeschi dell'ospedale di Hannover hanno assicurato, all'altrettanto autorevole e serio Guardian, che il caso, benché raro, dalla letteratura medica mondiale sia già stato documentato altre tre volte. E che, comunque, prendere in considerazione l'headbanging - lo scuotere furiosamente il capo avanti e indietro a tempo di musica, possibilmente con una mano alzata nel più classico segno delle corna - come causa scatenante di ematomi al cervello sarebbe eccessivo.

Eppure è successo: un cinquantenne fan tedesco dei Motörhead è stato costretto a ricorrere alle cure dei chirurghi - che sono riusciti a drenare il sangue coagulatosi grazie ad un minuscolo foro nella scatola cranica - dopo essersi procurato un ematoma subdurale al con furiose session di headbanging ad un live di Lemmy e compagni. La sicurezza che la pratica sia stata la causa scatenante del problema, ovviamente, non c'è, ma i medici, che hanno voluto vederci chiaro, hanno esaminato con cura la cartella clinica dello sfortunato appassionato: nessun caso di familiarità con la patologia e nessuna precedente lesione al capo, combinate con il manifestarsi dei sintomi del disturbo - violenti mal di testa - subito dopo il live e con l'ammissione, da parte dello stesso fan, di essere uso al costume popolarissimo ai concerti hard e heavy, hanno portato lo staff medico a prendere in considerazione l'eventualità. "Non siamo contro l'headbanging, ha prudentemente chiarito il dottor Ariyan Pirayesh Islamian, presente nello staff medico che ha preso in cura il paziente: "Il rischio di ferirsi praticandolo è davvero molto, molto basso. Ma siamo anche dell'idea che se il paziente fosse andato ad un concerto di musica classica, quasi sicuramente non avrebbe avuto questo problema".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.