Sanremo, Pappalardo in sala stampa (2): elogi a Tony Renis

“Ci ho impiegato 59 anni per arrivare a Sanremo, ora voglio godermela. La votazione non mi interessa. La gente alla fine saprà scegliere quali dischi comprare. Non voglio farmi imbrigliare nel meccanismo dei voti, altrimenti Sanremo diventa troppo serioso e io voglio divertirmi e far divertire il pubblico”. Adriano Pappalardo travolge come un fiume in piena la sala stampa e racconta come è nato “Nessun consiglio”. “Al rientro dall'isola dei famosi ho incontrato Luca Chiaravalli che mi ha fatto ascoltare un provino del brano. Il giorno dopo ho scritto le parti di testo che mancavano. Questo è stato l'inizio del mio rientro. Ora con lo stesso team sto preparando il cd che sarà pronto per aprile”.

Qualcuno domanda se ha sentito i colleghi dell'Isola. “Sono stati molto carini. Avevo detto che non avrei mai più voluto vederli e ho mantenuto la promessa, ma loro hanno chiamato mia moglie e ho ricevuto i messaggi di Walter Nudo e Carmen Russo". Interrogato sui rapporti con gli altri concorrenti, Pappalardo ha ammesso di essere stato costretto a partecipare al Cet. “Alla mia età non avevo voglia di tornare sui banchi di scuola. Sono rimasto tre giorni e mi sono legato a molti di questi ragazzi come Neffa e Meneguzzi. Fortunatamente non è stata una scuola di buone maniere, ma un modo per scambiarsi opinioni. Se fossi sconfitto da uno di loro non sarebbe un problema. Quale migliore sconfitta di essere battuto da un ragazzino. Ben venga, vorra dire che Pappalardo ci ha provato, che è ancora giovane. La mia vittoria l'ho già ottenuta, gli applausi della sala stampa per me valgono come se avessi vinto Sanremo”. Infine una battuta anche su Tony Renis: “Finalmente un direttore artistico che non ti sta sempre tra le palle. Nonostante sia stato boicottato è riuscito a fare un Sanremo molto forte e sono felice di esserci”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.