Pussy Riot al concerto di Amnesty International a New York

Pussy Riot al concerto di Amnesty International a New York

Dalle fredde e squallide celle russe alla cosmopolita e scintillante New York City: nel giro di poco più di un mese è cambiata completamente la vita di Maria Alyokhina e Nadezhda Tolokonnikova delle Pussy Riot. Le musiciste, come forse si ricorderà, erano state "graziate" dal presidente Putin il mese scorso. Poche ore prima di Natale, sentita dal "New York Times", la Alyokhina aveva affermato: "Penso che sia solo un tentativo di migliorare l'immagine dell'attuale governo, giusto un po' prima dei Giochi Olimpici invernali del 2014 agli occhi degli europei. Ma non considero il gesto umano o di grazia. E' una bugia. Non abbiamo chiesto alcun perdono. Sarei rimasta seduta lì fino alla fine della mia sentenza perché non ho bisogno della grazia di Putin".

Le due sono state invitate a "Bringing Human Rights Home", manifestazione organizzata da Amnesty International a New York il prossimo 5 febbraio. Al concerto si esibiranno, tra gli altri, Flaming Lips, Imagine Dragons e Lauryn Hill. Le Pussy Riot hanno affermato: "Un mese fa siamo state liberate dai campi di prigionia russi. Non dimenticheremo mai cosa vuol dire essere in prigione per una condanna politica. Abbiamo promesso di continuare ad aiutare quelli che rimangono dietro le sbarre, e speriamo di vedervi tutti al concerto di Amnesty International il 5 febbraio a Brooklyn!". Le musiciste, come noto, stavano scontando una condanna a due anni per la famosa "preghiera punk" anti-Putin inscenata all'interno di una cattedrale moscovita nel febbraio 2012.





Contenuto non disponibile







La manifestazione si svolgerà presso il Barclays Center di Brooklyn.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.