Super Bowl, l'inno USA da Beyoncé passa a Renée Fleming

Super Bowl, l'inno USA da Beyoncé passa a Renée Fleming

Al Super Bowl di quest'anno l'esecuzione dello "Star-spangled banner", inno sul quale è inciampato più d'un artista, va a Renée Fleming. La storia recente annovera due casi piuttosto clamorosi di "incidenti". Nel febbraio 2011 Christina Aguilera, emozionata, dimenticò una strofa e cercò di rimediare cantando la successiva al posto di quella che non ricordava: ma ormai la frittata era fatta. E l'anno scorso Beyoncé preferì - "visto il tempo" - cantare sopra la sua stessa registrazione. L'inno nazionale USA è notoriamente pieno di trabocchetti, ai quali ovviamente si unisce il fatto che cantare davanti a decine di migliaia di persone non è da tutti. Quindi, per evitare altri intoppi, quest'anno gli organizzatori hanno preferito andare sul liscio ed hanno affidato la perigliosa impresa a Renée Fleming. La quale è perfettamente sconosciuta a chi ama pop e dintorni.

Si tratta infatti di una soprano 54enne, nata in Pennsylvania nel 1959 e che si affacciò a più ampia ribalta quando, a 29 anni, vinse una gara canora organizzata dalla Metropolitan Opera. Il 2 febbraio va a lei l'onore di sciorinare l'inno a stelle e strisce prima che nell'arena scalpitino Denver Broncos e Seattle Seahawks. Fleming, la quale l'anno scorso ha ricevuto dal presidente Obama la National Medal of the Arts, viene ritenuta perfettamente a suo agio nel ruolo in quanto ha un approccio definito "rilassato". Per lei l'appuntamento con l'evento sportivo che risucchierà davanti alle TV decine di milioni di statunitensi è solo un altro appuntamento musicale, non una causa di nervosismo come per altre più giovani cantanti degli scorsi anni. Rodata con Verdi e Puccini, e con un difficile ciclo di Olivier Messiaen cantato con la New York Philharmonic, Renéè l'inno americano se lo dovrebbe bere. La soprano, curiosamente, non è una tipa tutta Mozart e Puccini: nel 2010 ha infatti pubblicato "Dark hope", album di sue cover di canzoni degli Arcade Fire, Muse ed altri.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.