Firenze, la prima serata di Music Connection

Ha avuto luogo ieri sera a Villa Demidoff a Firenze, nello splendido scenario del Parco Mediceo di Pratolino, la prima delle due serate della manifestazione Music Connection, una due giorni "live" dedicata alla musica di ispirazione mediterranea organizzata da RAI Trade (vedi News).
Come da copione, l'apertura è toccata alla formazione romana delle Nuove Tribù Zulu, che ha proposto al pubblico presente un repertorio misto tra i brani dei due album finora pubblicati ("Sulla strada", del 2000, ed il recentissimo "L'unione dei due mondi"), dimostrando buona padronanza nell'amalgamare i timbri più etnici e tradizionali con diverse escursioni nel rock e nel jazz e con, addirittura, qualche interludio ska. Ottima la performance di Paolo Camerini al contrabbasso.
E' stato poi il turno di Enzo Gragnianiello e James Senese, due artisti simbolo della scuola napoletana contemporanea che, attraverso percorsi diversi, sono arrivati a sintetizzare insieme la tradizione partenopea montando uno show fatto di "classici" e ormai abbondantemente rodato: "Tribù e passione", il loro recente CD, è infatti il frutto di una lunga esperienza teatrale, trasformatosi solo successivamente in lavoro discografico. L'uno con la voce, l'altro al sax, sia Gragnianiello che Senese hanno confermato virtuosismo e originalità della proposta.
I più attesi della serata erano però i Litfiba di Ghigo Renzulli (appena intervistato da Rockol, vedi News), e non solo perché godono di maggiore popolarità rispetto al resto del roster. Tanto la loro assenza da Firenze - che durava da circa un anno - quanto il rientro nel gruppo dello storico tastierista Antonio Aiazzi, uniti alle voci di un disgelo tra Renzulli e Pelù, hanno corroborato le aspettative in riva all'Arno. E' andata bene, con un Ghigo in controllo e col frontman di seconda generazione Gianluigi "Cabo" Cavallo padrone della scena. Prima di entrare in studio per il nuovo album, il "warm up" dal vivo è promettente.
Stasera andrà in scena la seconda parte di Music Connection, con un tabellone intrigante e variegato: dal revival popolare di Eugenio Bennato alla musica del "movimento" dei Bisca, dall'etnia (diventata inaspettatamente modaiola) delle Balentes (vedi News) alla "world music" di marca siciliana degli Agricantus. Dalle 21 in poi, concerto gratuito (per ogni informazione: www.rockol.it/musiconnection).
Dall'archivio di Rockol - I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.