Caso Accademia di Sanremo: il PM prepara l’impugnazione della sentenza del Tribunale del riesame

Antonella Politi, il PM che sta svolgendo le indagini sulle tangenti all’Accademia della Canzone di Sanremo, impugnerà la sentenza del Tribunale del riesame che due giorni fa ha rimesso in libertà Angelo Esposito e Lola Marini.

Secondo il pubblico ministero, infatti, esistono i presupposti per procedere per corruzione di persona incaricata di pubblico servizio. Intanto Elio de Le Storie Tese commenta: “Se liberano Esposito, allora voglio fuori anche il Baffo delle televendite. Delle tangenti me lo aspettavo, anzi speravo che venisse fuori qualcosa di peggio”. Il cantante che assieme al suo gruppo si classificò al secondo posto nel Festival del 1996, ha più volte denunciato di aver vinto quell’edizione ma che il “verdetto fu truccato” (vedi News). (Fonte: Corriere della Sera)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.