Steve Hackett sulla reunion dei Genesis: 'Possibile, ma improbabile'

Steve Hackett sulla reunion dei Genesis: 'Possibile, ma improbabile'

Gli appassionati che abbiano un po' di memoria sanno che, più o meno, "possibile ma improbabile" è il mantra che intonano tutti i protagonisti di potenziali grandi reunion. Qualche esempio? I Led Zeppelin, o i Pink Floyd, o gli Smiths, o ancora i Guns N' Roses, almeno nella loro formazione originale: c'è sempre un oltranzista del no a fare da controparte ad un ottimista possibilista, che a furia di aperture mezzo stampa finisce per convincere (quasi) tutti che un eventuale ritorno in attività possa essere lì, dietro l'angolo. Prospettiva che poi, nella maggior parte dei casi, viene frustrata dalla chiusura definitiva di uno degli elementi portanti (di solito il cantante o il chitarrista), che più o meno gentilmente declina spiegando come abbia altro e di meglio (almeno per lui) da fare.

Quella raccontata da Steve Hackett a Billboard, di primo acchito, potrebbe essere l'ennesima variazione sul tema: il chitarrista, attualmente impegnato oltreoceano con il suo Genesis Revisited tour, ha ammesso come un ritorno sulle scene della band un tempo capitanata da Peter Gabriel non si da escludere a priori, ma che le possibilità che un'eventualità del genere si realizzi sono minime.

"Sono sempre stato a favore di una eventuale reunion, e non ne ho mai fatto mistero", ha spiegato Hackett: "Ogni volta che ci riavviciniamo scopro sempre che il mio 'sì' viene lasciato cadere nel vuoto. Ho suonato con tante tribute band dei Genesis, e allora perché non dovrei farlo con quelli veri? Credo sarebbe fantastico, meraviglioso, ma perché succeda tutti dovrebbero dare il loro assenso. O, almeno, dovrebbero darlo un paio di noi, con la speranza che poi gli altri si accodino".

"Ci vediamo, di tanto in tanto, e inevitabilmente porto agli altri le proposte di celebrazione che ci arrivano da più parti", ha continuato Hackett: "Più a lungo rimani nell'ambiente, più occasioni del genere ti si presentano. E più a lungo rimani nell'ambiente più gente ti ascolta. Personalmente, mi ritengo molto fortunato ad avere una schiera di fan e una salute che mi permettano di guadagnarmi da vivere suonando".

I sogni di Hackett e dei fan sparsi ai quattro angoli del globo, prima ancora che contro eventuali chiusure degli altri ex membri, potrebbero infrangersi contro la condizioni degli arti superiori di Phil Collins, che - come è ormai noto da tempo - oltre ad aver annunciato il proprio ritiro dalle scene in maniera irrevocabile a causa di problemi di salute ha perso buona parte delle funzionalità della mani.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.