NEWS   |   Pop/Rock / 06/07/2013

Londra, aperta biblioteca con soli vinili

Londra, aperta biblioteca con soli vinili

Nello scorso aprile un interessante sondaggio britannico online aveva coinvolto 2030 consumatori nel Regno Unito, e l'ente di ricerche ICM aveva confermato che erano i giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni a guidare il revival del vinile sul mercato discografico. Il 5 per cento dei soggetti intervistati aveva dichiarato di avere acquistato vinili nuovi, ristampe o usati nel corso dell'ultimo mese: ma mentre la quota era in media con il dato nazionale nella fascia di età 35-44 anni e quasi doppia (9 per cento) in quella 25-34 anni, era proprio tra il pubblico under 25 - normalmente identificato come "nativo digitale" - che si era registrata la percentuale maggiore, 14 per cento del campione. E sono proprio giovani quelli che adesso hanno aperto, a Londra, una biblioteca composta da soli vinili. La biblioteca è stata battezzata, con molta semplicità, The Vinyl Library. Ideata da due DJ basati a Londra, Sophie Austin ed Elly Rendall, la struttura è gestita da volontari ed è non-profit. Il patrimonio comprende vinili usati donati dal pubblico; la donazione più "esotica" è giunta da New Orleans. I due DJ hanno in programma di tenere anche qualche lezione di DJ-ing e di proiettare documentari musicali. La Vinyl Library è aperta, riporta il quotidiano "The Guardian", dalle 11 alle 21 tutti i giorni e si trova in Foulden Road, nella zona londinese di Stoke Newington. L'iscrizione costa 1 sterlina, al cambio 1 euro e 17 centesimi.