Le figlie di James Brown denunciano il padre

Le figlie di James Brown denunciano il padre
Situazione familiare decisamente complicata, quella di James Brown. Nel '98 una delle sue figlie lo fece rinchiudere in una clinica psichiatrica, e quando uscì il Godfather of Soul non era d'umore scintillante: giurò che le sue figlie, alla sua morte, da lui non avrebbero avuto neanche un cent. Ora le due donne, Deanna Brown Thomas e Yamma Brown Lumar, hanno deciso di denunciare il padre. Con l'atto legale gli chiedono un milione di dollari per la mancata corresponsione di royalties relative a 25 canzoni che affermano d'aver aiutato a comporre. Resta solo da dimostrare come: a metà anni Settanta, quando uscì buona parte dei brani oggetto della contesa, le due avevano meno di cinque anni.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.