Bruce Springsteen a Oslo: la scaletta, le sorprese

Bruce Springsteen a Oslo: la scaletta, le sorprese

Si è aperto con una doppia sorpresa, il primo concerto della seconda tranche europea del "Wrecking ball World Tour" di Bruce Springsteen ieri sera, 29 aprile, alla Telenor Arena di Oslo. Il "Boss" ha infatti anticipato l'inizio programmato dello show esibendosi da solo in un mini-set alla chitarra acustica aperto con "This hard land" e "All that heaven will allow" (eseguita per la prima volta dai tempi del "Devils & Dust Tour", come ricorda il sito Backstreets), proseguito con "The fever" (a richiesta del pubblico) e concluso con "Growin' up".



Caricamento video in corso Link


Un'ora dopo, lo show vero e proprio è stato aperto con una insolita performance di Little Steven, reduce dai suoi impegni televisivi proprio in Norvegia e tornato nelle fila della E Street Band dopo i concerti australiani in cui era stato sostituito da Tom Morello: il chitarrista ha preso il centro della scena per interpretare una cover jazzata di "My kind of town", resa celebre da Frank Sinatra, nei panni di Frankie "The fixer" Tagliano, il personaggio che interpreta nel serial gangsteristico "Lilyhammer". Il resto della scaletta, intervallato dai soliti scambi con il pubblico (durante "Spirit in the night" Springsteen ha bevuto una birra donatagli da uno spettatore) è stato arricchito da rarità come "Follow that dream", innestati sull'impianto di uno show ormai rodatissimo (che tra maggio e luglio, come noto, farà tappa a Napoli, Padova, Milano e Roma) chiuso da una "Tenth avenue freeze-out" in cui Bruce e la band, con il contributo di un nuovo filmato, celebrano la memoria di Clarence Clemons e Danny Federici.

Il "reporter" sul posto per Backstreets, Ivar Noer, riporta che il concerto è durato 2 ore e 53 minuti (quasi un'ora in meno di quello tenuto nella stessa Oslo l'estate scorsa). Questa la scaletta completa:

(Bruce Springsteen solo):
"This hard land"
"All that heaven will allow"
"The fever"
"Growin' up"

(Bruce Springsteen & The E Street Band):
"My kind of town" (cantata da Little Steven)
"Two hearts"
"No surrender"
"Badlands"
"Better days"
"We take care of our own"
"Wrecking ball"
"Death to my hometown"
"Hungry heart"
"Spirit in the night"
"The E Street shuffle"
"Follow that dream"
"The river"
"Prove it all night"
"She's the one"
"Pay me my money down"
"Darlington county"
"Shackled and drawn"
"Waitin' on a sunny day"
"The rising"
"Lonesome day"
"Thunder road"

(Bis) "For you" (Springsteen solo al pianoforte)
"Born in the U.S.A."
"Born to run"
"Dancing in the dark"
"Tenth avenue freeze-out"

Dall'archivio di Rockol - I classici del rock: "Born in the USA" di Bruce Springsteen
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.