Blur, parla Graham Coxon: 'Niente nuovo disco nel 2013'

Blur, parla Graham Coxon: 'Niente nuovo disco nel 2013'

Tanti concerti, sì - due dei quali anche in Italia, a Milano e Roma rispettivamente i prossimi 28 e 29 luglio, ma di nuovo materiale in studio nemmeno a parlarne: i Blur, che fanno cenno ad un nuovo album ormai da oltre un anno (voci rilanciate anche dal produttore William Orbit, ma mai concretizzatesi in un progetto concreto, eccezion fatta per i due singoli "Under the westway" e "The puritan") nei prossimi dieci mesi non metteranno nemmeno mano all'ideale successore di "13" del 1999, ultimo disco da studio realizzato con Graham Coxon in formazione.

A rivelarlo è stato lo stesso chitarrista alla BBC: "Non registrerò niente: semplicemente, farò qualche concerto con i Blur", ha spiegato l'artista, "Andremo in qualche posto divertente a suonare per un po' di gente".

Decrifrare la dichiarazioni degli elementi del quartetto britannico - specialmente del frontman, Damon Albarn, e di Coxon - non è sempre facile, e - il più delle volte - anche piuttosto inutile, vista la quantità di repentini dietrofront fatti dal gruppo dal 2009 (anno del rientro nei ranghi del chitarrista transfuga) a questa parte: benché, stando a stime elaborate dal Sun, il ritorno in attività della band di "Parklife" sia stata una delle reunion più ricche mai registrare nel Regno Unito (che in soli quattro anni ha fruttato qualcosa come 15 milioni di sterline) sulle future sorti del gruppo non è mai stata fatta chiarezza. Solo lo scorso anno, ad esempio, il bassista del gruppo Alex James indicò come possibile ultimo concerto quello tenuto dei Blur in occasione della serata di gala dei Brit Awards: ipotesi smentita (dai fatti) esattamente 24 ore più tardi, quando il management della band annunciò il coinvolgimento di Albarn e soci nella cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Londra, e - ancora un giorno più tardi - dall'annuncio di una data in Svezia e di un possibile tour.

Contenuto non disponibile


Più o meno lo stesso canovaccio mediatico accompagnò i mesi precedenti all'evento di Hyde Park: prima Albarn annunciò - in marzo - lo show come canto del cigno del gruppo, salvo poi smentirsi da solo in aprile - non senza accuse al cronista che raccolse la sua dichiarazione - un mese dopo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.