Tre stelle di 'Rolling Stone' al 'CD della mafia'

Lo scorso 21 agosto Rockol riportò la notizia, ripresa dall'agenzia ANSA, secondo la quale il CD "Canti di malavita" del gruppo Musica della Mafia messo al bando nel nostro Paese- stava spopolando negli States.

Ad occuparsene è ora anche la pluridecorata rivista "Rolling Stone", che nell'ultimo numero (904) giunto nelle edicole italiane specializzate, lo recensisce e gli regala un bel 3/5. Il punteggio equivale a "good" ed è uguale a quello assegnato all'ultimo album dei celebrati Queens Of The Stone Age. Il disco è presentato esattamente come "La Musica della Mafia: Il Canto di Malavita". Etichetta, la Pias America. La giornalista Pat Blashill afferma che si tratta di "una raccolta di canzoni folk provenienti dalla Calabria, regione dell'Italia del sud", che le stesse sono "tutte inni alla mafia ed alla sua cultura di assassinio e segretezza" e che il CD è "più oscuramente romantico dei Nine Inch Nails". Tra i brani citati, "Cu sgarra, paga" (tradotto appropriatamente con "Who fails, pays") ed "U lupu d'Asprumunti". "E' sia maledetto sia bello, sebbene probabilmente non si tratti di una raccolta eccezionale di musica folk calabrese", scrive ancora la Blashill, la quale in chiusura narra la storia edificante del cantante Fred Scotti, presente sul disco con la canzone "Canto di carcerato": "Quando il cantante è diventato troppo amico della pupa di un mafioso, lo hanno fatto secco".

Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Davide D'Atri (presidente e ad di Soundreef)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.