Lega contro Elena Bonelli, sexy-cantante dell'inno italiano

Ha provocato le accese reazioni della Lega Nord, che ha presentato un'interrogazione al ministro dei Beni culturali, il sito con foto osé di Elena Bonelli, la cantante attrice che ha inciso la versione integrale dell'inno di Mameli con la banda dell'Arma dei Carabinieri.
La Bonelli, che si è esibita nell'interpretazione della versione integrale della canzone anche ai mondiali di calcio di Corea, aveva addirittura ricevuto una lettera del Presidente Carlo Azeglio Ciampi che le esprimeva il suo apprezzamento per l'iniziativa d'incidere l'inno intero.
“Letitia Casta ha fatto più nudi di me”, si è difesa l'accusata, “eppure in Francia è considerata un simbolo nazionale. Considero quello della Lega un attacco idiota alle istituzioni e a me, orgogliosa di aver cantato l'inno nazionale senza guadagnare neppure un centesimo”. (Fonte: La Repubblica, Il Giorno)
Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.