Farida, una voce dall’Afghanistan

Arriverà in Italia il prossimo 11 luglio per esibirsi al festival di sole donne “Just like a woman” (vedi news): è Farida, unica donna afgana a cui sia mai stato concesso il titolo di “maestro”, “ustad”. 56 anni, vive in esilio dal 1991 e si è guadagnata da vivere cantando ai matrimoni, salvo essere stata riscoperta recentemente: “vivo nella comunità afgana. Le persone della mia generazione tendono a ricreare Kabul ovunque si trovino”.
“Ero una dattilografa che studiava musica classica afgana”, racconta, “Ho avuto la fortuna di essere giovane in un momento di grande entusiasmo, tra il 1950 e il 1978, l’unico vero periodo di democrazia. Il mio ustad, Mohammed Hashem fa parte di quel paradiso perduto. Eravamo come il resto del mondo civile: liberi musulmani. Certo, la nostra musica ha spesso dei testi mistici ma questo per noi è il pop” (Fonte: Repubblica)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.