Novara, tre giorni dedicati al Club Tenco: 'Ci hanno chiamati loro'

Novara, tre giorni dedicati al Club Tenco: 'Ci hanno chiamati loro'

Novara chiama, il Tenco risponde. Nella città piemontese, da domani a sabato 8 dicembre, il Club sanremese organizza un fitto programma mattutino, pomeridiano e serale di mostre, reading poetico-musicali, proiezioni di film e video, incontri con artisti, conversazioni in pubblico e concerti (compreso, alle 21 di domani, uno spettacolo ispirato allo "Spoon river" di Edgar Lee Masters e a Fabrizio De André, madrina Dori Ghezzi e protagoniste dieci voci femminili): tutto a corredo dell'evento clou, la consegna delle Targhe Tenco 2012 che a partire dalle 21 di sabato vedrà salire sul palco del Teatro Coccia Afterhours e Zibba (vincitori ex aequo nella sezione "Album dell'anno" rispettivamente con "Padania" e "Come il suono dei passi sulla neve"), Enzo Avitabile (premiato per il miglior album in dialetto con "Blacktarantella"), Colapesce (miglior esordio discografico con "Un meraviglioso declino") e Francesco Baccini (miglior interprete con "Baccini canta Tenco"), accanto a Samuele Bersani, Lella Costa e altri ospiti a sorpresa.

"E' la prima volta che le Targhe non vengono consegnate a Sanremo. Siamo a Novara perché sono stati loro a cercarci per intercessione di Stefano Senardi, socio del Tenco e consulente artistico del Comune", spiega il direttore artistico della manifestazione Enrico De Angelis. "Abbiamo trovato un'accoglienza cordiale, persone estremamente interessate alla nostra proposta incentrata sulla canzone d'autore e di qualità. Sembrano motivati a continuare il rapporto anche in futuro anche se non c'è un contratto, nessun accordo scritto ma solo una stretta di mano fra gentiluomini. Trattandosi di un'esperienza nuova, sopratttutto per Novara, bisognerà vedere come risponderà la città. Intanto dico che non ci è parso vero che qualcuno si sia fatto avanti, visto che da quarant'anni siamo noi a bussare alle porte per chiedere finanziamenti. Va anche detto che il Coccia, un teatro comunale che è il fulcro della nostra manifestazione, ha da poco tempo una nuova direttrice, Renata Rapetti, che ha creduto molto nel nostro progetto".

Il Club Tenco rischia di cambiare sede? "No, per statuto la sede è e rimarrà a Sanremo", risponde De Angelis. "Ma mi piace l'idea di rendere la rassegna itinerante, cosa che in piccolo stiamo già cercando di fare da alcuni anni: vogliamo portare nel maggior numero di posti possibili, dislocati su tutto il territorio italiano, la canzone d'autore, quella che ci piace e per cui lavoriamo con passione. Non andiamo in una città nuova per ripetere pedissequamente quel che facciamo a Sanremo da 40 anni. Ci si inventa qualcosa di nuovo, abbiamo già contatti con altre città e con ognuna di esse pensiamo a un progetto diverso. La nostra vocazione culturale, come dimostra la tre giorni di Novara, ci spinge a collegare all'evento principale, l'esibizione degli artisti, una serie di approfondimenti, incontri, chiacchiere, conversazioni, convegni e conferenze stampa aperte a tutti".

Da Sanremo, intanto, niente di nuovo.  "Lì il problema è solo economico. Se il Comune torna a finanziarci come ha fatto per molti anni anche grazie alla Rai possiamo continuare a organizzare un evento in città, il che non esclude di farne anche altrove. Anche la Regione, che ci ha in simpatia e che nel 2010 e nel 2011 ci era venuta in soccorso con un finanziamento un po' più nutrito del solito, quest'anno non aveva soldi da spendere. Il Comune, d'altra parte, ci taglia i fondi ogni anno di più. All'Adn Kronos il sindaco di Sanremo ha dichiarato di non poter stornare sul Tenco denaro che gli serve per altri scopi, mentre quello di Novara ha detto, e ripetuto anche ieri in conferenza stampa a Milano, di credere nella cultura, convinto com'è che con la cultura si possa anche mangiare...".

Come le due serate sanremesi di ottobre, dedicate a Woody Guthrie e ai "nuovi progetti della canzone d'autore", anche quelle di Novara verranno registrate in audio podcast e messe a disposizione a pagamento sotto forma di file Mp3. "Lo scopo è duplice", spiega De Angelis. "Da una parte divulgare le cose che facciamo dando a tutti la possibilità di ascoltarle, dall'altro quello di ricavare qualche sovvenzione per il Tenco. A Sanremo abbiamo anche effettuato delle riprese video in vista di un film sul tributo a Guthrie che una volta montato ci piacerebbe proporre a qualche rete televisiva o magare mettere in commercio sotto forma di dvd".

E il futuro? "E' come sempre un'incognita, legata alle risorse economiche a disposizione. Avendole ci si può inventare di tutto, anche cambiare una formula che tuttavia non ritengo statica: a chi ci accusa di proporre sempre gli stessi nomi faccio notare che Zibba, due anni fa, era uno sconosciuto. E che durante le nostre rassegne abbiamo sempre proposto personaggi innovativi, 'strani', fuori schema, fuori mainstream. Cosa faremo nel 2013 non lo sappiamo proprio: difficile fare una vera programmazione artistica e culturale senza solide basi economiche e finanziarie".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.