David Bowie: 'Il paganesimo, stato mentale del ventunesimo secolo'

David Bowie: 'Il paganesimo, stato mentale del ventunesimo secolo'
"Il paganesimo è uno stato mentale, e può essere riferito a chi non riesce a vedere il proprio mondo, a chi non sente la presenza di Dio: è, in sostanza, l'uomo del ventunesimo secolo": David Bowie spiega così il titolo del suo nuovo album, "Heathen" ("pagano", appunto), in uscita in questi giorni. Un disco, questo, che ha ricongiunto l'artista al suo vecchio collaboratore Tony Visconti: "Era da tempo che volevamo tornare a lavorare insieme", confessa Bowie, "Non appena siamo riusciti a trovare del tempo libero sulle nostre agende, ci siamo chiusi nel suo studio casalingo ed abbiamo iniziato a lavorare: curiosamente, le prime cose che abbiamo registrato come demo non sono finite nella tracklist definitiva del disco. Ma è pur sempre stato un inizio". Nel suo nuovo album l'autore di "Ziggy stardust" ha inserito tre cover: "Sono canzoni che amo molto", ha ammesso David: "'I've been waiting for you' è presa dal primo album di Neil Young, mentre 'Cactus' è uno dei brani meno celebri dei Pixies, una delle band più importanti eppure più sottovalutate degli anni Ottanta. La terza cover, invece, è uno dei miei miti di gioventù: 'Gemini spacecraft' di The Legendary Stardust Cowboy. E' da lui che ho preso lo spunto per 'Ziggy'". Non deve essere facile, tuttavia, per un autentico veterano del pop-rock, rapportarsi ad una nuova uscita così complessa e sfaccettata: "E' curioso che, da giovane, parlassi dei vecchi tempi come se avessi tanti anni alle spalle. Vivevo una sensazione come di 'divenire'. Oggi, invece, mi sento più 'essere'. E purtroppo, tra non molto, cercherò di sopravvivere". Il musicista non ha però ancora abbassato la guardia, almeno a giudicare dai suoi impegni musicali e non: "Porterò questo disco in giro per il mondo, tra America e Europa. Poi mi sto occupando del Meltdown Festival (vedi news), all'interno del quale suonerò anche. Ma sono così ansioso di suonare queste nuove canzoni dal vivo che, in effetti, vorrei organizzare un tour anche in Asia e Australia, dove - adesso che ci penso - non ho mai suonato". Rockol pubblicherà prossimamente la trascrizione completa dell'intervista a David Bowie.
Dall'archivio di Rockol - La storia di "The rise and fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars" di David Bowie
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.