Alice, ospite speciale al Disma Music Show

Alice, ospite speciale al Disma Music Show
E' lusingata, Alice, di partecipare alla sesta edizione del Disma Music Show, il salone degli strumenti e delle edizioni musicali che verrà inaugurato domani, giovedì 25 aprile, presso la Fiera di Rimini e nell'ambito del quale le verrà riconosciuto il suo impegno in campo musicale (vedi news). Come la sua voce lascia trasparire oggi, mercoledì 24 aprile, al telefono con Rockol, la cantante originaria di Forlì sembra più che felice di essere stata invitata a ricevere il premio Coram “Musica è Vita” 2002, che le sarà consegnato durante la serata speciale di Scuola Musicafestival, manifestazione riservata agli studenti delle scuole elementari e medie. “E' successo tutto velocemente”, spiega Alice dopo aver puntualizzato che le piace farsi dare del “tu” perché la “distanza non aiuta la comunicazione”, “ho ricevuto l'invito a partecipare all'iniziativa e ricevere il premio per la mia attenzione verso la musica. Ho detto subito di sì”. In Italia Dismamusica supporta diversi progetti per la diffusione e l'educazione alla musica tra i quali “Save The Music”, fondazione e movimento no-profit statunitense del canale musicale VH1 che nasce con l'intento di reinserire programmi di educazione musicale nelle scuole. “In Italia, come d'altronde all'estero”, continua Alice, “non è semplice fare musica. Perché le radio passano solo un certo tipo di canzoni, e le case discografiche pubblicano solo un certo tipo di dischi. Servirebbe, prima di tutto, che entrasse nella cultura italiana la concezione del valore della musica come elemento essenziale, non come elemento di puro svago. Non è così: la musica non viene nemmeno più considerata come divertimento. Non ci sono fondi. Semplicemente non fa parte della cultura, e la cultura musicale italiana è essenzialmente composta da musica del passato”. La carriera di Carla Bissi, prima Alice Visconti e poi semplicemente Alice, comincia nel 1971 quando, appena diciassettenne, vince il Festival di Voci Nuove di Castrocaro interpretando “Tanta voglia di lei” dei Pooh. Da allora, Alice si è gettata in progetti ben più ambiziosi, mescolando letteratura, poesia e musica. “L'unico merito che penso di avere nei confronti della storia della musica italiana”, racconta, “è la costanza nella ricerca e nel rinnovamento, nell'andare 'oltre' al cliché del fare della musica soltanto uno strumento di guadagno. Ormai la musica leggera è diventata questo. Per me non è mai stato così. Poi, fortunatamente, mi è capitato di godere di un successo popolare molto ampio, e non soltanto in Italia. Ma il motivo essenziale per cui io ho sempre fatto musica non è certo stato il pensiero di arrivare in classifica a tutti i costi. Il successo ad un certo punto mi è cominciato ad andare anche stretto. A livello personale mi ha condizionato a tal punto da impedirmi di fare delle scelte esclusivamente legate ad una ricerca musicale. Crescere, per me, è fondamentale”. Schiva, sperimentatrice, sempre alla ricerca della “spiritualità nella musica come nella vita”, ispirazione culminata in “God is my DJ”, Alice è attualmente impegnata in un nuovo progetto intitolato “Le parole del giorno prima”, uno spettacolo dal vivo che raccoglie brani d'autore tratti da testi ispirati ad opere letterarie. “Il mio presente è il mio futuro, nel senso che queste 'canzoni letterarie' sono il mio pensiero attuale. I concerti che ho fatto fino ad adesso li considero un'anteprima di quello che verrà. Quello che puoi sentire oggi contiene solo alcuni elementi del progetto sul quale sto lavorando”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.