Destiny's Child, una canzone contro le ‘donnacce’

No, le Destiny's Child non sono diventate pazze.

E no, non sono neppure delle ipocrite; neppure se in procinto di pubblicare un brano, “Nasty girl”, che probabilmente diventerà il nuovo inno contro le “donnacce”. Prostitute? Assolutamente. “Scantily clad women”, come si legge tra le righe di una notizia pubblicata sul sito di Worldpop letteralmente diventerebbe “donne insufficientemente vestite”. Ma, alla fine della fiera, potremmo anche riassumere il tutto in un più sobrio “donne succinte”. Ma perché mai le tre “soul women” dovrebbero criticare le femmine che amano esibire il proprio corpo e dare così sfoggio della propria femminilità, quando loro stesse amano uscire di casa con poco più di tre centimetri di stoffa indosso? “Una ragazza di classe può indossare qualsiasi cosa e sentirsi sexy”, ha precisato Beyonce Knowles, “e questo non significa che non spossa mettere in mostra l’ombelico o uscire di casa con una minigonna. E’ il portamento che conta”. Il trio, nel frattempo, ha pubblicato un’autobiografia negli Stati Uniti intitolata “Soul survivors: The official autobiography of Destiny's Child” nella quale si discute della loro infanzia e dell’abbandono di ben tre componenti del gruppo. “Credo che questo libro darà finalmente alla gente la possibilità di conoscere chi sono veramente le Destiny's Child, almeno ad un livello personale”, ha raccontato Michelle Williams. “Per esempio leggendolo potrete capire come siamo cresciute e come ci siamo districate tra i bulli del nostro quartiere. Per esempio io non ho mai conosciuto mio padre. Ci sono molte cose che imparerete”. Parola delle Child. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.