Comunicato stampa: Metronome Festival

Comunicato stampa: Metronome Festival
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Al via la dodicesima edizione di Metronome Festival, un appuntamento consolidato e atteso dagli appassionati della regione Umbria e da schiere di pubblico che si spostano da più parti d'Italia.
La rassegna arriva puntuale sul finire della stagione invernale ad animare la scena dei teatri umbri. Sei gli appuntamenti che attraversano una delle regioni più belle d Italia e naturalmente un offerta musicale prestigiosa ed originale.
Ad aprire il festival Mike Stern il 22 aprile, alle 21.00 al Teatro Don Bosco di Gualdo Tadino. Tra i capiscuola della corrente internazionale del jazz, nonché uno dei migliori chitarristi degli anni 80 e 90, Mike Stern continua ad ispirare gli appassionati delle sei corde con la sua miscela di sonorità bebop, intensità rock infiammate e un lirismo fuori dal comune.
Il 25 aprile, invece, l appuntamento è con Steve Hackett a Foligno Auditorium di San Domenico. Hackett è il noto chitarrista dei Genesis, raggiunse la band agli inizi degli anni settanta in sostituzione del dimissionario Anthony Phillips. Una chitarra, quella di Hackett, che da sola è in grado di riempire gli spazi lasciati in sospeso dagli altri strumenti, con arpeggi esternamente complessi e ben equilibrati. Dal punto di vista tecnico, Steve è sicuramente un virtuoso della chitarra, sempre in bilico fra follia e perfezione, fra melodia e cacofonia, fra felicità e disperazione.
Il 4 Maggio alle ore 21.00, presso l Auditorium San Domenico di Foligno, si esibirà Nada e special guest Valentina Gravili, vincitrice del premio Ciampi 2001.
Il 10 Maggio il festival ospiterà al Teatro Don Bosco di Gualdo Tadino Brian Auger, considerato il capostipite della Jazz Fusion. Auger comincia la sua carriera a Londra nel 1963, due anni dopo forma il gruppo Steampacket insieme a Julie Discol, Rod Steward e Long John Baldry Nel 1982 vince il Grammy per il migliore album rock strumentale
Il 14 Maggio la kermesse continua al Teatro dei Riuniti d Umbertide con Ravi Coltrane, figlio di John Coltrane. Dal padre ha ereditato sicuramente il talento puro, ma Ravi non suona né come suo padre né come altri sassofonisti tenore o soprano; il suo è un suono personale e un temperamento sereno: preferisce le sonorità tradizionali piuttosto che ribellarsi per superarne i limiti. I suoi assoli mostrano una concezione musicale matura che esalta la sua ricchezza melodica e la capacità di esplorare sonorità avanguardistiche. A Umbertide si esibirà con il quartetto All Stars formato da Bill Stewart, Adam Rogers e Scott Colley.
Sempre al Teatro dei Riuniti il 20 Maggio, sarà la volta di Eliane Elias, pianista, compositrice arrangiatrice e vocalist, rinomata per lo stile musicale molto personale nel quale le sue radici brasiliane si mescolano con una notevolissima tecnica jazzistica e classica.
A soli diciassette anni inizia la sua carriera concertistica lavorando con il grande Vinicius De Morae, partner in composizione di Antonio Carlos Jobim. Da allora in poi, una lista interminabile di successi che la portano a ricevere la nomination al Grammy nella categoria Best Jazz Solo Performance per la sua incisione del 1995 Solos and Duets e nel 1997 anche la nomina in altre cinque categorie.
Considerata una delle più grandi interpreti della musica di Jobim, negli ultimi anni ha collaborato con molti grandi artisti, tra gli altri figurano Gilberto Gil, Caetano Veloso, Herbie Hancock.
Il festival si chiude il 1° giugno a Foligno Auditorium di San Domenico con un formidabile esempio di sensualità e passioni: il tango.
Un modo per attraversare le vicende di un gran paese qual è l Argentina sulle note di un intellettuale del tango, Juan Carlos Cacérès. Pianista, cantante e compositore argentino, è un artista originale e provocatorio, capace di raffinate analisi e coinvolgenti produzioni. La sua lettura del tango è una seducente avventura attraverso il tempo e lo spazio, capace di abbracciare le diverse culture del continente americano.
Prezzi dei biglietti:
Mike Stern 18.00
Steve Hackett 21.00
Brian Auger 18.00
Ravi Coltrane 18.00
Eliane Elias 18.00
Juan Carlos Cacérès 18.00
Nada 15.00
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
8 dic
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.