Mariah Carey apre una nuova etichetta?

Mariah Carey apre una nuova etichetta?
Dopo il pubblicizzatissimo divorzio dalla Virgin, Mariah Carey sta cercando una nuova collocazione discografica, finora senza esiti apprezzabili. Fra le varie ipotesi possibili, adesso è sbucata anche l’eventualità che la cantante possa dar vita a una propria etichetta, seguendo le orme della Maverick di Madonna. Se così fosse, la Carey avrebbe intenzione di mettere sotto contratto anche altri artisti e non limitarsi a utilizzare il nuovo marchio solo per le sue uscite. Non ci sono ancora conferme ufficiali, ma va ricordato che Mariah ha già fatto un tentativo in passato come manager discografica, guidando nel 1997 la Crave Records. L’etichetta era naufragata nel giro di un anno, in seguito al divorzio fra la diva e il suo scopritore Tommy Mottola, importante esponente della multinazionale discografica Sony, a cui la Crave era affiliata.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.