Massimo Bubola: 'Jovanotti mi ha copiato'

Massimo Bubola: 'Jovanotti mi ha copiato'
Mancano ancora due mesi alla pubblicazione, e già fa discutere il nuovo album di Jovanotti, “Vita morte e miracoli” (vedi news). Massimo Bubola, autore italiano molto apprezzato e già collaboratore di Fabrizio De André, ha accusato il cantante di essersi appropriato indebitamente del titolo del suo nuovo album: “E' incredibile”, ha dichiarato Bubola ai cronisti dell'ANSA, “Ma mi sembra strano che Lorenzo non conosca il mio disco omonimo, datato 1989, che ha avuto una certa importanza nella storia della musica”. “La cosa che mi indispettisce di più”, ha continuato il cantautore, “E' la volgarità di questo scippo, fatto proprio da chi si picca di fare musica d'autore”. Bubola, comunque, non potrà citare in giudizio Jovanotti, non esistendo un diritto d'autore che tuteli i titoli delle opere.
Per il momento nessuna replica da parte di Jovanotti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.