Scott Weiland: ‘La galera mi ha cambiato’

Scott Weiland: ‘La galera mi ha cambiato’
Il leader degli Stone Temple Pilots Scott Weiland ha dichiarato al magazine ondine canadese Jam di essere stato “svegliato” dalla lunga permanenza nelle patrie galere americane, dopo la condanna subita per abuso di sostanze stupefacenti: “E’ un’esperienza molto comune nella vita di qualsiasi persona, quella di provare qualcosa di così brutto da non voler più saperne: il carcere è esattamente questo, perché lo stare incatenato a qualcosa – o lo stare in una gabbia – non è una condizione naturale per un essere vivente”, ha ammesso il vocalist, precisando: “Purtroppo, ci si accorge di aver sbagliato in qualcosa solo quando la situazione è ormai troppo compromessa perché si risolva in maniera indolore, anche se io – senza dubbio – ho imparato la lezione”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.