Perry Farrell in Italia per presentare il suo primo disco da solista

Nel solito lussuosissimo hotel milanese, dove come di consueto i giornalisti della carta stampata specializzata (e non) intervistano e accolgono le star del rock, è arrivato oggi lunedì 7 maggio anche Perry Farrell, istrionico personaggio noto per la sua militanza nei seminali Jane's Addiction e essere il fondatore del festival intinerante Lollapalooza.
L'occasione è stata il presentare il suo nuovo album da solista (il primo in verità), in uscita il 16 luglio per la Virgin Records e intitolato "Song yet to be sung".
Al primo ascolto delle canzoni ivi contenute si è scoperto che del rock che rese in passato famosi i Jane's Addiction non vi era più alcun traccia. Ora Perry si dedica esclusivamente all'elettronica, alla jungle, al dub e ai suoni propri della "world music". Come lui stesso ha spiegato, difronte ad un nutrito numero di giornalisti (tra cui alcuni spagnoli del quotidiano El Pais), il suo album è una festa, un concentrato di gioia e spiritualità che verte sul Giubileo nel senso ebraico del termine. Farrell, la cui tenuta era composta da una camica color oro, da una cravatta sgargiante in stile anni '70 e da un paio di pantaloni marroni, è sembrato molto felice di spiegare l'esoticità e la particolarità di questo sua opera. Non sono mancati riferimenti al concerto dei Jane's Addiction per il Coachella Festival (vedi news): "Un evento del tutto casuale", ha affermato Farrell. "Non era mia intenzione riesumare i Jane's Addiction. Qualcuno però mi ha chiamato per organizzare la cosa ed in men che non si dica eravamo sul palco di quel festival, acclamati dal pubblico".
Insomma un Farrell molto impegnato nello spiegare la sua personale e mistica visione del mondo, ma anche rispettoso di un certo impegno sociale. Lui stesso si è infatti reso portavoce dell'Associazione Americana per l'Abolizione della Schiavitù, la cui attività è ben documentata sul sito www.iAbolish.com. "Ci tengo moltissimo a supportare la causa per l'abolizione della schiavitù. Dopo aver sentito un racconto di uno degli schiavi liberati proveniente dal Sudan, ho deciso di muovermi in prima persona".
L'intervista completa di Rockol a Farrell verrà pubblicata in contemporanea con il disco.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.