Jimi Hendrix: la storia, i video

Jimi Hendrix: la storia, i video

Johnny Allen Hendrix (in seguito ribattezzato James Marshall) nasce a Seattle, stato di Washington, il 27 novembre del 1942 da padre afroamericano e madre di sangue indiano Cherokee.

Nel 1965 forma la sua prima band professionale, Jimmy James and the Blue Flames, assumendo per la prima volta il ruolo di frontman e di chitarrista solista. Con il nuovo gruppo si esibisce nei locali del Greenwich Village newyorkese e proprio in uno di questi, il Cafe Wha?, viene notato nel ‘66 da Chas Chandler, bassista degli Animals. Il musicista inglese decide di fargli da manager, gli fa firmare un contratto e lo convince a trasferirsi a Londra. E’ lui a cambiargli il nome d’arte in Jimi e a reclutargli come accompagnatori il batterista Mitch Mitchell e il bassista Noel Redding: nasce la Jimi Hendrix Experience. Dotato di un talento straordinario e di una fantasia senza limiti che lo porteranno a rivoluzionare lo stile, la tecnica e le possibilità della chitarra elettrica (soprattutto nell’uso del feedback, del fuzz e dei distorsori), Jimi diventa in pochi mesi il nome più chiacchierato della scena musicale londinese grazie ad esibizioni poi divenute leggendarie durante le quali suona lo strumento anche con i denti o tenendolo dietro la schiena. All’inizio del 1967 il primo singolo “Hey Joe” (uno standard per molte garage band dell’epoca) ne conferma la prorompente creatività, raggiungendo il numero 6 delle classifiche di vendita inglesi .

Contenuto non disponibile


.Grazie a titoli come “Foxy lady” e “Fire”, “Manic depression” e “Red house”, l’album ARE YOU EXPERIENCED? che esce poco dopo cambia per sempre orizzonti, prospettive e ambizioni della musica rock marcando uno dei punti più alti della stagione psichedelica; altrettanto incisivi ed epocali sono i singoli pubblicati nel periodo, la lisergica “Purple haze” e la melodica ballata “The wind cries Mary”, inclusi nella raccolta SMASH HITS e nelle successive ristampe su cd dell’album d’esordio

Contenuto non disponibile


Nel giugno del ’67 fa scalpore la partecipazione di Hendrix al festival di Monterey: fascia colorata sotto i ribelli riccioli neri, abito a sbuffi dai colori sgargianti e pose da sciamano del rock, il chitarrista afroamericano conclude il suo travolgente show con una selvaggia esecuzione del classico “Wild thing”, durante la quale dà fuoco alla sua Fender Stratocaster.

La performance desta enorme impressione nel pubblico presente e in chi ne rivedrà in seguito le immagini immortalate dal film documentario girato dal regista D.A. Pennebaker. Da quel momento Hendrix è una star anche in patria e sulla scena mondiale, applauditissimo in concerto, lodato per il coraggio e le idee innovative dei suoi dischi. AXIS: BOLD AS LOVE, anch’esso del 1967, è un disco fortemente ispirato dalla cultura delle droghe, in cui spicca la voglia di sperimentazione del musicista ben coadiuvato in studio da Eddie Kramer, ingegnere del suono di fiducia. L’anno successivo il doppio ELECTRIC LADYLAND (il nome è ricavato dagli studi di registrazione, Electric Lady, che il musicista si è nel frattempo costruito a New York) è un altro capolavoro, in cui spiccano il blues rivoluzionario di “Voodoo chile” e la cover di un brano di Dylan allora sconosciuto, “All along the watchtower”. Poco dopo, però, cominciano ad avvertirsi i primi scricchiolii: gli Experience si sciolgono, Hendrix è stanco, consumato dall’eccessivo uso di droghe e indeciso sulla direzione artistica da prendere. Forma un nuovo ensemble, i Gypsy Sun & Rainbows (vi militano tra gli altri il batterista Mitchell e il vecchio amico Billy Cox), con cui si esibisce nell’estate del 1969 al festival di Woodstock: ancora una volta le immagini del film omonimo e la stravolta versione dell’inno americano “Star-spangled banner” ne fanno il simbolo di una intera generazione alla disperata ricerca di ideali alternativi e contraria alla guerra del Vietnam. L’anno seguente l’inquieto chitarrista resuscita gli Experience, ancora con Mitchell ma con Cox al posto di Redding: ma proprio mentre il trio sta lavorando a un ipotetico nuovo album doppio dal titolo provvisorio di “First days of the new rising sun”, il 18 settembre del 1970 Hendrix muore nella sua stanza d’albergo a Londra soffocato dal suo stesso vomito dopo un’assunzione eccessiva di barbiturici: Da quel momento sull’eredità musicale del grande chitarrista si scatena una furibonda battaglia legale e commerciale senza esclusione di colpi che vede coinvolti ex manager, oscuri discografici e gli eredi del musicista capeggiati dal padre Al e dalla sorellastra Janie. Ripreso in mano dalla Experience Hendrix, il catalogo viene rimasterizzato e aggiornato, con l’aggiunta di numerosi live, di una edizione ricostruita del “quinto album” mai uscito (il succitato FIRST DAYS OF THE NEW RISING SUN) e, nel 2010, con un disco di outtakes inedite di studio, VALLEYS OF NEPTUNE .



Contenuto non disponibile




 
 

Clicca qui per leggere la biografia completa di Jimi Hendrix.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.