NEWS   |   Gossip / 24/06/2011

Secondo anniversario. La Toya: 'Michael Jackson temeva d'essere ucciso'

Secondo anniversario. La Toya: 'Michael Jackson temeva d'essere ucciso'

La Toya Jackson, intervistata nella ricorrenza del secondo anniversario della morte del fratello Michael, ma anche della pubblicazione del suo libro "Starting over" e pure dell'EP omonimo, ha affermato che il King of Pop trascorse gli ultimi mesi della sua vita temendo d'essere ucciso. La 55enne cantante ha riferito che sia lei sia il fratello hanno dovuto subire l'esperienza d'essere controllati e manipolati da figure ombrose che hanno reciso i loro rapporti con la famiglia. "La differenza", ha detto La Toya, il cui ultimo disco di studio risale al 1995, "è che io alla fine l'ho fatta franca e ho ricominciato daccapo. Ma Michael non può ricominciare daccapo".





Contenuto non disponibile







Michael, che deteneva in comproprietà importanti cataloghi, sarebbe stato fatto fuori per potersi impossessare di essi. "C'è sicuramente qualcosa di premeditato", ha detto La Toya. "Avevano programmato di farlo, e mio fratello lo sapeva, e mio fratello me l'aveva detto un sacco e un sacco di volte che gli sarebbe successa una cosa di quel tipo. Me l'aveva detto: 'E' per via del mio catalogo'". Lo scorso 21 giugno è stato pubblicato l'EP "Starting over" di La Toya. Lo stesso giorno è stato pubblicato negli USA, attraverso la casa editrice Gallery Books che fa parte del grande gruppo Simon & Schuster, anche la sua seconda autobiografia anch'essa così intitolata.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi