Nuove scene: boyband dalla Mongolia

Anche grazie ad Internet, non è più difficile come una volta imbattersi in scene musicali provenienti da Paesi senza grandi tradizioni rock o pop. Il numero di dicembre del mensile britannico “Select”, ad esempio, informa che in Mongolia esiste un vibrante filone pop. Alla discoteca “Non-Stop” di Ulan Bator, la capitale, ad esempio impazzano boyband come Camerton e Nomiin Talst, ma vanno bene anche gruppi femminili in stile Spice quali Spike e Saraa. Ma quelli che pare funzionino meglio sono gli Har Sarnai (i “Rosa nera”), un duo maschile che balla selvaggiamente e canta canzoni nazionaliste.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.