Eros Ramazzotti: 'Stilelibero' ma non troppo

Eros Ramazzotti: 'Stilelibero' ma non troppo
Dopo l’anteprima live di ieri sera (vedi news), Eros Ramazzotti ha incontrato oggi la stampa nazionale ed estera in una conferenza durante la quale l’unica cosa che si è riusciti a capire è un’insoddisfazione di fondo da parte del cantante romano nei confronti del nuovo album “Stilelibero”. Per il resto, l’acustica dell’Auditorium di Milano e il tipo di amplificazione usata hanno reso praticamente incomprensibile il 90 per cento delle domande dei giornalisti e le risposte e dichiarazioni di Eros, ed è stata impresa davvero ardua carpire il senso di ciò che veniva detto in sala.
Se la conferenza stampa risultava improvvisata e un po’ tirata insieme, non tanto diversamente sembra essere andata l’incisione dell’album in questione, a giudicare dall’atteggiamento del cantante sull’argomento. “Mi dispiace di avere fatto questo disco un po’ di corsa – ha esordito Eros -. Speravo di avere un po’ di tempo in più per aggiungere delle cose, ma non è stato possibile. Non è facile fare un disco in tre mesi per chi normalmente impiega molto di più”. E aggiunge: “Per adesso non mi è permesso muovermi in altre direzioni e verso altri generi, allargare il mio campo d’azione; devo mantenermi sul mio stile”. Dalle parole di Ramazzotti traspare un malcontento che sembra crescere fino a quando il cantante si rende probabilmente conto dell’eccessiva tensione manifestata e cambia registro senza convincere però nessuno: “Mi piace lavorare con la casa discografica; agisco sempre in collaborazione con chi investe sulla mia produzione e ascolto quindi i consigli degli altri”. Ma le frecciate si ripetono tra le righe anche in seguito.
Quattro anni dopo “Dove c’è musica”, esce dunque “Stilelibero”, un album di respiro internazionale suonato da alcuni tra i più apprezzati session men della scena mondiale (tra cui Steve Ferrone, Michael Landau, Nathan East, Greg Phillinganes), con la collaborazione di produttori di grido come Trevor Horn e Rick Nowels (oltre a Claudio Guidetti e Celso Valli) e la partecipazione di Cher (che duetta con Eros in “Più che puoi”), mentre il nostro Jovanotti ha scritto il testo di “Improvvisa luce ad est”. L’uscita del Cd è fissata per il 27 ottobre, mentre è già uscito “Fuoco nel fuoco”, singolo denso di riferimenti erotici e dall’arrangiamento latineggiante. Ma Eros non si sente parte della scena pop latina che sta spopolando nelle classifiche di tutto il mondo: “Ho usato qualche percussione in passato, ma se parliamo di Ricky Martin, Enrique Iglesias e Jennifer Lopez in loro troviamo una componente salsa più marcata. Io sono italiano e le mie cose, per quanto possano funzionare in lingua spagnola, sono abbastanza lontane da quella dimensione”. E ridimensiona anche il suo stato di popstar internazionale: “Qualcuno mi ha dato delle emozioni da tirare fuori e un contratto discografico mi ha portato a metterle in musica. Tutto ciò è poi diventato un business, ma l’importante è che io rimanga coi piedi per terra. E’ chiaro che chi decide di inserirsi nel mondo dello spettacolo mira a diventare famoso, e quando lo diventi hai nella vita maggiori possibilità economiche, però i problemi vitali li condividi con gli altri. Quando accendi la tv e vedi i telegiornali ti rendi conto che alla fine ti trovi in mezzo ai problemi di tutti. Io non mi sento una superstar, tranne in queste occasioni, quando mi fanno diventare tale e mi mettono su un piano più alto. Ma io preferisco stare al pari degli altri”.
E ad aiutarlo a mantenere i piedi per terra contribuisce la famiglia che Eros si è creato e che non manca di ricordare nei dischi e ai concerti. Anche in “Stilelibero” troviamo una canzone (“Per me per sempre”) dedicata alla figlia. “Più passa il tempo e più mi viene voglia di stare con la famiglia – conferma Ramazzotti -, che rappresenta il futuro. Nel lavoro la gente un giorno può anche darti due calci lì, ma la famiglia rappresenta tutto quello che hai e che resta”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
26 nov
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.