System Of A Down diffidati per aver scippato uno slogan

System Of A Down diffidati per aver scippato uno slogan
I nu-metallers System Of A Down sono stati diffidati da un noto annunciatore sportivo per aver indebitamente usato uno slogan di sua appartenenza.
Il fatto è accaduto durante il concerto del 4 luglio a Baltimora, nell’ambito del Summer Sanitarium tour (vedi News). Prima dell’esecuzione del brano “Sugar”, il chitarrista dei System Of A Down Daron Malakian ha gridato la frase “Let’s get ready to rumble!”, incitamento utilizzato solitamente dall’annunciatore sportivo Michael Buffer per introdurre gli incontri di boxe.
Michael Buffer però, dopo aver visionato il concerto su MTV, si è indignato e ha avvicinato la band attraverso i suoi avvocati per intimargli di non usare mai più il motto.
Daron Malakian si è dichiarato sbalordito dell’accaduto e ha promesso che non userà mai più in pubblico quella frase.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
10 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.