P. Diddy accusato di aggressione

Sean "Diddy" Combs è al centro di una nuova causa legale. Secondo Jabari Tilgham di Atlanta, il rapper e le sue guardie del corpo lo avrebbero picchiato. Oltre a Combs, sono stati chiamati in causa anche la sua compagnia Bad Boy Entertainment e quattro sue bodyguards. Tilgham, 30 anni, stava lavorando come fotografo al Club Mansion dopo la premiazione ai BET Awards. Nel club, Diddy e Rick Ross avevano organizzato una festa dove Tilgham era uno dei dodici fotografi ammessi per scattare fotografie nella zona vip. Per motivi sconosciuti, le guardie del rapper, avrebbero aggredito e picchiato Tilgham, fatto confermato anche da un uomo della secutrity del Club Mansion.

Di recente, Diddy è balzato agli onori delle cronache per motivi ben più piacevoli. Il mese scorso, l’artista è risultato in cima alla classifica del Forbes dei “paperon de paperoni del rap”. Con ben 475 milioni di dollari, Combs è diventato il leader di una ristretta cerchia che include anche Jay-Z, Dr. Dre e 50 Cent.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.