Tornano anche i Pretty Things: sono passati ‘solamente’ 23 anni

La scorsa estate Rockol ha allietato le vacanze dei propri lettori dando ampio spazio alle cronache, più o meno variopinte, di riformazioni più o meno credibili. Ma ora tutti i gruppi che si sono ricompattati al massimo dopo 14 anni dal loro “split” devono inchinarsi e togliersi il cappello: infatti riecco i Pretty Things, di nuovo assieme dopo ben 23 anni, a stabilire quello che probabilmente verrà classificato come un record nel mondo del rock. Il gruppo inglese si è infatti incredibilmente riformato con la line-up originaria, risalente all’ormai lontano 1966, e che comprende il cantante Phil May, il bassista Dick Taylor, il tastierista John Povey, l’altro bassista Wally Walker, il batterista Skip Allen e pure il secondo chitarrista Frank Holland. Da notare che Taylor fu nella primissima formazione dei Rolling Stones.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.