Richard Ashcroft: 'Kate non è come Yoko'

Richard Ashcroft: 'Kate non è come Yoko'
Richard Ashcroft ha negato che ci sia sua moglie Kate dietro la decisione di far rigirare il video per il suo nuovo singolo "Money to burn". Il clip, nella versione definitiva, mostra il cantante mentre passeggia per le strade di New York. Ashcroft ha dichiarato in un’intervista che non era contento del primo clip, che "non aveva le giuste vibrazioni. Non andava bene, lo pensava anche Kate. E’ stata una decisione presa insieme". E Ashcroft ha colto l’occasione per sfogarsi contro le voci che lo vogliono "soggiogato" alla moglie, un po’ come si diceva di John Lennon con Yoko Ono: "La gente in questo ambiente guarda alle cose sempre nello stesso modo. Ora stanno dando prova della stessa misoginia che ebbero per Yoko Ono".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.