Puff Daddy regala mezzo milione (di dollari) alla sua scuola

Il sogno di molti studenti è quello di diventare ricchi e famosi e di tornare un giorno alla propria scuola per regalare dei soldi, così in realtà intendendo «ma sì, prendetene un po', io ne ho così tanti che non so che farmene». E Sean "Puffy" Combs, qualche giorno fa, il proposito l'ha messo in pratica davvero. Interrotto il suo lavoro in studio (è attivo su vari progetti), il rapper-produttore-attore si è recato alla sua vecchia scuola, la Howard University, negli USA, ed ha fatto una donazione da mezzo milione di dollari. In cambio ha ottenuto una sorta di laurea ad honorem per "distinguished postgraduate achievement in the field of entertainment"; questa, perlomeno, è la motivazione ufficiale del riconoscimento. Puffy, nel suo discorso, tra le altre cose ha detto teatralmente: "Mia madre mi ha inculcato l'importanza dell'educazione".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.