Bette Midler mette alla berlina Barbra Streisand

Tra Bette Midler e Barbra Streisand non corre buon sangue, e la prima ha utilizzato il suo concerto di Capodanno a Las Vegas per prendere in giro la rivale (che si stava esibendo nella stessa città). Tra le gag, una parodia di "We are the world" in cui la Midler ha messo in scena il famoso video usando delle marionette (con il pupazzo di Barbra particolarmente rissoso, fino a ingaggiare un incontro di wrestling con la regina Elisabetta); salutando ironicamente una coppia di spettatori arrivati in ritardo («Salve. Cos’è, eravate da Barbra? Non siete riusciti a resistere più di un quarto d’ora, eh?»), e infine, ospitando sul palco una sosia della Streisand. «Che fai qui, Barbra?» «Cerco mio marito» «Al mio show?» «Non aveva abbastanza soldi per venire al mio». La dileggiata, informata della raffica di lazzi, si è limitata a commentare: «Bette chi?»
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.