Confessa il responsabile del rogo alla Philadelphia International Records

Confessa il responsabile del rogo alla Philadelphia International Records

Era completamente ubriaco Christopher Cimini quando ha distrutto la sede della storica Philadelphia International Records. L’etichetta fondata da Kenneth Gamble & Leon Huff e che ha pubblicato negli anni i dischi di Patti LaBelle, Lou Rawls, Teddy Pendergrass e O’Jays, è stata semidistrutta da un incendio appiccato da Cimini, il quale aveva all'epoca dei fatti (21 febbraio scorso) un tasso alcolico quattro volte superiore al limite legale.  L’uomo ha dichiarato che non era consapevole di quello che faceva proprio perché sotto l’effetto dell’alcol. Il suo avvocato afferma che il suo cliente non si rendeva nemmeno conto di dove si trovasse quando ha fatto irruzione nell’edificio distruggendo cimeli dal valore inestimabile e poi completando l’opera appiccando il fuoco. La sentenza per Cimini è prevista per il 10 settembre prossimo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.