La Gerusalemme di Minghi contro la gaffe di Celentano

La Gerusalemme di Minghi contro la gaffe di Celentano

Su "Il Giorno", Marco Mangiarotti parla di Amedeo Minghi, che ha presentato nell’Aula Magna dell’Università Cattolica di Milano, «con il corpo accademico schierato, "Jerusalem", inedito da una doppia antologia ("Studio collection") e canzone di pace sulla rotta del Giubileo.

L’inno che canterà davanti al Papa nel Concerto di Natale, il 17 dicembre (trasmesso da Canale 5 il 24) e poi nella Città Santa. Se sarà possibile, con un tenore (e soprano) ebreo, David D’Eor, e un cantante palestinese. In Cattolica c’era anche Tosca che ha interpretato "Mater Jubilaei", altro inno commissionato da Monsignor Crescenzo Sepe, Segretario Generale del Giubileo del 2000. (.) Dopo "Un uomo venuto da lontano", Minghi canterà quindi "Jerusalem" davanti al Pontefice per il Concerto di Natale. E ci tiene a distinguere questo appuntamento dal concerto di Capodanno con Adriano Celentano su Raiuno. "Il nostro è il classico appuntamento che ogni anno va in mondovisione. E la mia iniziativa di cantare con un ebreo e un palestinese non c’entra nulla con quello che Adriano ha fatto in tv a "Francamente me ne infischio": lui ha preso un algerino e un’ebrea per duettare in "Imagine". Un testo che dice: pensa a un mondo senza religione. La stessa gaffe che aveva fatto Gianni Morandi davanti al Papa».

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.