Baglioni canta per strada travestito a Napoli

Claudio Baglioni una ne fa e cento ne pensa. La trovata di questa settimana (non del tutto nuova, visto che già Biagio Antonacci e persino Severino Gazzelloni avevano fatto l’esperimento) è quella di suonare per la strada mendicando danari: è accaduto sabato 19 a Napoli, dove il cantautore romano ha suonato per un’ora travestito da hippy, con lunghi capelli e barba rossicce che lo facevano assomigliare ad Alexi Lalas, il calciatore-chitarrista statunitense. Nessuno lo ha riconosciuto neanche quando ha cantato "Questo piccolo grande amore". Baglioni si è poi presentato al telegiornale Rai per commentare: "E’ stata una pagliacciata, la riprova che viviamo nella civiltà dell’immagine", ha detto Baglioni. Ma forse ci è rimasto male per le sole tredicimila lire ricevute dai passanti.

Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.