Biografia

Nasce a Milano nel 1953. Si diploma in composizione presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, dove studia anche direzione d’orchestra e musica elettronica.
SONANZE (1974) è il suo primo disco, pubblicato da Rolf Ulrich Kaiser, editore della casa discografica tedesca OHR. Tramite questo lavoro entra in contatto con gruppi musicali tedeschi come Popol Vuh, Tangerine Dream, Wallenstein.
Negli anni seguenti, sue composizioni vengono eseguite in diversi spazi e situazioni: all’Università Statale di Milano, nella Basilica di Piazza Vetra, al Festival di Re Nudo al Parco Lambro, al Festival Pianistico di Brescia e Bergamo, all’ “Out Off” di Milano, al Congresso Internazionale di Antipsichiatria di Parigi. Il suo secondo album è SEI NOTE IN LOGICA (1978) per voci, orchestra e computer, nell’esecuzione dell’Ensemble Garbarino.
Inizia a frequentare l’ambiente del pop/rock, producendo lavori di Ann Steel (1979: tutte le canzoni sono scritte da Cacciapaglia su testi di Giada Manca di Villahermosa), Gianna Nannini (1981), Giuni Russo, Ivan Cattaneo, Amanda Lear (1983), Alice (1985).
Scrive poi “Riconciliazione”, per pianoforte e strumenti, la cui prima esecuzione assoluta si tiene al Conservatorio di Milano.
GENERAZIONI DEL CIELO (1986) è il titolo dell’opera in due atti rappresentata in prima assoluta al Teatro Metastasio di Prato (1986), e pubblicata su disco lo stesso anno. “Transarmonica”, per voci e gruppo strumentale, viene eseguita al Festival “Aterforum” di Ferrara e al Festival “Due Dimensioni” di Parma (nel 1992 aprirà il Festival di Villa Arconati a Castellazzo di Bollate, nella serata inaugurale interamente dedicata alle opere di Roberto Cacciapaglia).
Scrive poi “Lamentazioni di Geremia” (1986) per controtenore e organo, eseguita per la prima volta al Festival Internazionale di Tel Aviv; “Aurea Carmina” (1988) su testo di Pitagora, per baritono, voce bianca, coro e orchestra, scritta su commissione dell’Accademia di Santa Cecilia a Roma dove viene rappresentata nello stesso anno; “Il segreto dell’alba” (1989) balletto-pantomima in due tempi commissionato dal Teatro Comunale di Bologna dove viene rappresentata; “Un giorno X” (1990), opera video per voci, orchestra e strumenti elettronici commissionata da “Musica del Nostro Tempo” e rappresentata al Conservatorio di Milano con la partecipazione di Gianna Nannini e l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali; “Le Mille e Una Notte” (1991), fiaba musicale scritta per la Compagnia marionettistica “Carlo Colla & Figli” e rappresentata al Berliner Festspiele e al Festival di Spoleto; “Sintonia” (1991), per orchestra d’archi, eseguita dall’Orquesta Sinfonica Municipal de Campinas in Brasile; “Dialoghi con nessuno” (1991), opera di teatro con la regia di Silvano Piccardi, interpretata da Ottavia Piccolo.
Nel 1992 pubblica l’album ANGELUS ROCK, per voci e gruppo strumentale.
Dopo aver composto “Odisseo, il senso dell’alba” (1996) per pianoforte solo, commissionatagli dal XVI Festival del Teatro Italiano “Riviera d’Ulisse”, pubblica TRA CIELO E TERRA (1996), realizzato con la partecipazione di Franco Battiato e presentato in concerto al Teatro Olimpico di Roma (1997).
Lavori successivi sono “Mai per Atzar” (1997), opera teatrale con la regia di Valerio Ferrari, “Dissoluzione dell’aria” (1997) per pianoforte solo, “Animals” (2000), interpretato da Elio delle Storie Tese e diretto da Enrique Mazzola.
L’album ARCANA (2001) viene eseguito in anteprima nel 2000 al Festival “Il Violino e la Selce” di Fano diretto da Franco Battiato.
Esce poi l’album TEMPUS FUGIT (2003), per pianoforte, voce, violoncello e postazioni elettroniche.
“Appello alle Nazioni”, con la partecipazione di Gianna Nannini, viene eseguito dal vivo nel 2003 nella chiesa di San Carlo al Corso - Milano; “Salmo 4 - Preghiera della sera”, per soprano e pianoforte, viene eseguito dal vivo nel 2003 nel Duomo di Milano.
Successivamente Roberto Cacciapaglia compone “Esercizi preparatori per la modifica degli eventi”, “Diagonal Mar”, “Rock angels”, “Mente radiosa”.
Nel 2005 pubblica l’album INCONTRI CON L’ANIMA; scrive poi “Ad vitam”, 2005, eseguito alla Triennale di Milano in memoria di Pierpaolo Pasolini e “Tra buio e luce”.
Pubblica nel 2007 QUARTO TEMPO, realizzato con la Royal Philharmonic Orchestra e presentato in concerto al Teatro degli Arcimboldi di Milano. (24 ott 2005)