Biografia

Christopher John Davidson - nome d’arte Chris De Burgh - nasce a Buenos Aires il 15 ottobre 1948. Nonostante le sue origini irlandesi, non è mai riuscito ad avere grande successo in Gran Bretagna o negli Stati Uniti come in altre parti del mondo, raggiungendo soltanto due volte la Top 40 in America con i singoli “The lady in red” e “Don’t pay the ferryman”, mentre in Gran Bretagna “The lady in red” ottenne la prima posizione, mantenendola per diverse settimane.
Firma un contratto con la A&M Records nel 1974, supportando successivamente i Supertramp durante il loro tour “Crime of the Century”. Il suo debutto discografico avviene nel febbraio del 1975 con FAR BEYOND THESE CASTLE WALLS, un disco di ispirazione folk/progressive che, però, fallisce di entrare in classifica. Nel luglio dello stesso anno realizza il singolo “Flying” che raggiunge il primo posto della classifica brasiliana rimanendoci per diciassette settimane. Nel 1981, dopo diversi album che ottengono buon successo in Europa, De Burgh riesce finalmente ad entrare anche nella classifica UK con BEST MOVES, raccolta dei suoi primi album. Nel 1982, l’album THE GATEWAY, grazie al rock uptempo di “Don't pay the ferryman”, ha una discreta fortuna sia in Gran Bretagna che negli Stati Uniti, il cui seguito, MAN ON THE LINE, riesce altrettanto bene. Dopo la fortuna portatagli dalla languida ballata “The lady in red” nel 1986, la notorietà di Chris De Burgh inizia a dare segni di cedimento e gli album seguenti, FLYING COLOURS e INTO THE LIGHT, rimangono pressoché nell’anonimato. THE COLLECTION, esce nel maggio 2001, seguito da TIMING IS EVERYTHING (2002), THE ROAD TO FREEDOM (2004) e THE STORYMAN (2006). Il disco più recente dell’artista è FOOTSTEPS del 2008. (06 lug 2009)