Jewel rinnega il suo primo disco

"Pieces of you", nel 1995, ha imposto Jewel all'attenzione del mondo. Peccato che né il suo valore affettivo né le 10 milioni di copie da esso vendute lo rendano apprezzato dalla sua autrice. «La prima volta che l'ho ascoltato ho pianto. E non l'ho più ascoltato da allora, non riesco proprio a sentirlo. Ero talmente presuntuosa a quel tempo. Il suo successo mi fa pensare a un saggio studentesco che è stato preso sul serio. Le opere degli studenti non dovrebbero essere sottoposte al pubblico e alla critica; tutt'al più a qualche persona qualificata dovrebbe esprimere un parere sul potenziale dell'aspirante artista... Penso che quello fosse un disco buono per una teenager... Onesto, ma goffo».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.