Comunicato Stampa: I Gravenhurst in Italia per due date

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Gravenhurst

12-04-2008 Roma @ Circolo Degli Artisti
13-04-08 Milano @ Magnolia

La creatura artistica di Nick Talbot, a metà tra folk, shoegaze e post-rock, arriva in Italia per due imperdibili date per presentare l’ultimo album The Western Lands. (Warp/SpinGo).

Quarto album in studio per il polistrumentista inglese cresciuto nel sud est dell’Inghilterra, appassionato di letteratura, musica e filosofia, e influenzato in ugual misura dai suoni di Pet Shop Boys, Tears for Fears e da quelli di Simon and Garfunkel, The Smiths and Red House Painters. Innamorato del pop malinconico, del noise e dello shoegaze dei My Bloody Valentine, alla metà degli anni '90 Nick Talbot si appassiona al movimento Dream Pop al punto da trasferirsi a Bristol, centro di quella scena, dove collabora con gruppi seminali come Third Eye Foundation e Flying Saucer Attack. Dopo una serie di esperienze musicali, tra cui i due anni nella band Assembly, conclusi per la tragica morte dell’amico bassista, Nick decide di dare vita ai Gravenhurst nel 2004.
Dopo due album di folk malinconico, a prevalenza acustica, in cui l’influenza di Simon And Garfunkel appare dominante, e la “svolta” elettrica del precedente Fires In Distant Buildings, arriva The Western Lands quarto album con la Warp per i Gravenhurst, che qui sembrano riuscire a sintetizzare con incredibile maestria tutti gli ingredienti e le influenze che avevano caratterizzato i loro lavori precedenti. Evidente e riuscitissima la ricerca di un punto d’equilibrio tra l’intimismo di un cantautorato dai contorni oscuri e un approccio più diretto e immediato, caratterizzato da rumorose presenze elettriche.
The Western Lands è il frutto maturo di tutti questi ingredienti, un album capace di sintetizzare la new-wave, il post-rock, lo shoegaze e il folk cantautorale.

Accompagnato da Dave Collingwood, Robin Allender e Alex Wilkins, Nick Talbot, dopo aver diviso il palco con Belle and Sebastian, Animal Collective, Explosions In The Sky e Sufjan Stevens, sarà a Roma e a Milano per due date da non perdere.
Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.