Tornano i Servant con un nuovo album

Si intitolerà "How to destroy a relationship" il nuovo disco dei Servant, gruppo capitanato dall'ex voce dei Planet Funk Dan Black: l'album, che raggiungerà i negozi il prossimo settembre, verrà anticipato dal singolo omonimo, previsto nelle rivendite nel corso della prossima estate. “Abbiamo spento i computer e ora ci sentiamo liberi. Il suono scarno ed essenziale che abbiamo scoperto e migliorato nel corso dell’ultimo tour è stato l’elemento fondamentale su cui abbiamo costruito il nuovo album", ha commentanto il vulcanico vocalist inglese, che ha lasciato intravedere - per le atmosfere del nuovo disco - una svolta maggiormente orientata verso il rock rispetto all'album di debutto, "The servant", pubblicato nel 2004. Al momento il gruppo, oltre che da Dan, è composto da Matt Fisher al basso, Chris Burrows alla chitarra e Trevor Sharpe alla batteria.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.