Problemi finanziari per Puff Daddy

Difficilmente Puff Daddy riuscirà ad ultimare con animo sereno i due album annunciati entro la fine di settembre. Il 24 giugno è atteso dal giudice per giustificare l'aggressione al discografico rivale Steve Stoute, che ha giurato di farlo spedire in prigione per sette anni e creargli attorno terra bruciata nel mondo della musica. In più, pare che gli amministratori della sua etichetta, la Bad Boy Records, che l'anno scorso raggranellò 130 milioni di dollari (oltre 240 miliardi di lire), preveda per il '99 un attivo molto minore, intorno ai 30 milioni di dollari (comprese le stime di vendita dei due album in arrivo). Il problema è che il boss della Arista, Clive Davis, ha recentemente ricordato a Puff che la casa discografica gli ha corrisposto un anticipo di 50 milioni di dollari sulle future entrate della Bad Boy, e che la Arista vorrebbe rivedere anche i venti miliardi mancanti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.