Londra, arrestata Ms Dynamite. In tribunale venerdi’

Ms Dynamite, che col suo primo album fece ben sperare ma il cui secondo e’ stato un flop, e’ stata arrestata a Londra.

Rilasciata dopo 12 ore trascorse nella cella di sicurezza di una stazione di polizia della capitale britannica, l’artista apparira’ davanti ai magistrati di Bow Street venerdi’. L’imputazione non e’ chiara. Ma, secondo alcune testimonianze, la cantante si sarebbe lasciata andare ad un impeto di rabbia quando e’ stata espulsa da un locale, il Paragon Lounge nella zona elegante di Mayfair. Pare che, dopo aver infastidito il DJ, la direzione del locale abbia deciso di gettarla letteralmente in strada. Allora Ms Dynamite ha tentato di forzare la porta, gridando e prendendola a calci. E’ intervenuta una pattuglia della polizia che ha ammanettato sia lei sia una sua amica, mentre Kingsley, il fratello della cantante, e’ stato multato ma lasciato andare.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.