Cinquant'anni fa, in testa alla hit parade USA, c'era lei...

Melanie, un nome dimenticato ma che ebbe il suo momento di gloria
Cinquant'anni fa, in testa alla hit parade USA, c'era lei...

Una canzone semplice, un po' in stile anni Trenta, che parla di una ragazza che "ha un paio di pattini a rotelle nuovi" (qui il testo) ma che fu intesa dai maligni come un'evidente allusione sessuale: è stata il più grande successo di Melanie Safka, e s'intitola "Brand new key".

Nata il 2 febbraio del 1947 a New York, da famiglia italo-ucraina, Melanie aveva cominciato fin da ragazzina a cantare nei locali del New Jersey e nelle caffetterie del Greenwich Village. Studiava intanto recitazione alla Academy of Fine Arts di New York, e un giorno, mentre stava per cercare la stanza dove si teneva un provino, al numero 1690 di Broadway, sbagliò ufficio e entrò in quello della Buddah Records. Il presidente dell'etichetta, Neil Bogart, colpito dall'aspetto di Melanie, la fece cantare e la presentò imemdiatamente a quello che poi sarebbe diventato suo marito, il produttore Peter Schekeryk, che la mise sotto contratto sui due piedi. Altri tempi... (sempre che la storia sia vera e non una leggenda costruita a posteriori).

Sta di fatto che Melanie iniziò una carriera da cantante folk che la portò, per vie misteriose, a esibirsi al Festival di Woodstock, nel 1969: cantò sotto una pioggia battente, mentre gli spettatori agitavano fiammiferi accesi e accendini. L'episodio le ispirò "Candles in the rain", che uscì nel 1970 incisa con gli Edwin Hawkins Singers ed entrò brevemente in Top Ten.

Dopo un altro paio di singoli con la Buddah - "Peace will come (According to plan)" e una cover di "Ruby Tuesday", Melanie e suo marito fondarono un'etichetta chiamandola Neighborhood Records. Il primo disco da lei pubblicato per la nuova etichetta fu "Brand new key", che entrò al numero 87 della Hot 100 di "Billboard" il 30 ottobre del 1971, e otto settimane dopo arrivò al numero uno: cinquant'anni fa. 

Il disco rimase in vetta per tre settimane, quando fu spodestato da "American pie" di Don McLean.
Dopo "Brand new key" la cantante pubblicò altri singoli con buoni risultati di classifica ("Ring the living bell" e "The nickel song"), trovandosi a un certo punto ad avere tre 45 giri contemporaneamente in Top 40. Melanie tornò in Top 40 nel 1973 con "Bitter bad", ma a quel punto fece un passo indietro, ritirandosi dall'attività dal vivo per dedicarsi alla famiglia e ai figli, pur continuando la produzione discografica (ha finora pubblicato più di 40 album, compilation comprese).
Una sua canzone, "Lay down", è spesso eseguita in concerto dai Greta Van Fleet.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.