È morto Steve Bronski dei Bronski Beat, icone del synth pop Anni '80

"Lavorare con lui sulle canzoni e sulla canzone che ci cambiò la vita e toccò così tante altre vite fu divertente ed eccitante. Grazie per la melodia, Steve", dice ora Jimmy Somerville, l'unico membro superstite del gruppo di "Smalltown boy".
È morto Steve Bronski dei Bronski Beat, icone del synth pop Anni '80

È morto a soli 61 anni Steve Bronski, co-fondatore e tastierista dei Bronski Beat, gruppo considerato culto della musica synth pop degli Anni '60. La notizia della scomparsa del musicista, riportata dalla stampa inglese, è stata confermata da una fonte vicina al gruppo. Le cause del decesso di Steve Bronski non sono note. Bronski, al secolo Steven Forrest, fondò i Bronski Beat nel 1983 insieme al cantante Jimmy Somerville e a Larry Steinbachek, morto di tumore nel 2016. 

Il gruppo, che la rivista statunitense Spin definì "il primo vero gruppo gay nella storia del pop" (tutti e tre i musicisti erano dichiaramente gay), salì alla ribalta nel 1984 con il singolo "Smalltown boy": "Lavorare con lui sulle canzoni e sulla canzone che ci cambiò la vita e toccò così tante altre vite fu divertente ed eccitante. Grazie per la melodia, Steve", dice ora di Bronski l'ex compagno di band Jimmy Somerville, l'unico membro superstite della formazione.

Dopo il successo della prima hit, nel 1984 i Bronski Beat spedirono nei negozi l'album "The age of consent". Poi nel 1985, a causa di una serie di dissapori in seno al gruppo, Sommerville lasciò la band e proseguì la sua carriera da solista. I Bronski Beat realizzarono altri dischi con un nuovo membro, ma senza bissare il successo degli esordi. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.